La terra che cura: Grounding

terra che cura grounding

Ormai moltissime ricerche scientifiche hanno appurato che la natura ha in se stessa molto da insegnarci, e una parte della sua grande importanza, la vediamo nell’erboristeria e nell’omeopatia, scienze naturali che studiano le proprietà delle erbe medicinali. La natura insegna e noi lo sappiamo bene, e ad oggi esistono molte opzioni di trattamento. Insomma, curarsi con la natura, ma come funziona davvero? Avrete sicuramente sentito parlare di moltissimi metodi naturali che possono essere applicati alla nostra vita, in maniera tale da farci stare meglio.
Probabilmente, non tutti, hanno mai sentito parlare di Ecopsicologia, la scienza applicata che si forma sulla convinzione che la natura può aiutare a guarire da molti mali, semplicemente passando un po di tempo all’aria aperta, facendo terapie di gruppo o individuali, l’ecopsicologia assicura che depressioni e altri disturbi psicologici possano trovare effettiva risoluzione, grazie al contatto con la natura.

Sempre su questo filo, si sviluppa il Grounding, una teoria che afferma la possibilità di curare problemi fisici stando a contatto della terra, a piedi nudi o stendendosi su un prato, per qualche minuto al giorno tutti i giorni. Per verificare l’effettiva valenza di questa teoria, dei ricercatori hanno effettuato un esperimento, con gli abitanti di un piccolo villaggio canadese, ai quali è stato chiesto di tentare questa terapia con la terra. I risultati sono stati più che soddisfacenti, e la terra si è dimostrata in grado di curare mal di schiena o mal di ossa, semplicemente camminando a piedi nudi per qualche minuto al giorno.

Ma come è possibile tutto questo? La risposta arriva dall’elettromagnetismo della terra, grazie al quale si crea una relazione tra gli elettroni del nostro corpo e quelli della terra, e questo lavora sul nostro corpo, andando piano piano a sistemare quello che non funziona.Non so se qualcuno di voi abbia mai sentito parlare di persone che abbracciano gli alberi, siamo sempre sulla stessa corrente, cioè la natura è energia, e se riusciamo a integrare la nostra energia del corpo con quella della natura, siamo a un buon punto, per riuscire a guarire da alcuni dei mali che possono colpire il nostro fisico. Non a caso, anche le società farmaceutiche, hanno finalmente cominciato a considerare la potenzialità di guarigione delle piante, e tutto sommato anche se ci si impiega più tempo, la guarigione avviene in maniera del tutto naturale, specialmente se pensiamo a ciò che è contenuto nelle medicine di farmacia.

Chilometri o metri al giorno?

Secondo il Grounding è sufficiente la costanza, ossia, stare a contatto con la terra almeno 10 minuti al giorno per tutti i giorni, e verificare i propri miglioramenti, per cui si tratta di provare per credere.

Ma non è tutto, i sostenitori del Grounding hanno anche creato un sistema che permette di stare a contatto con l’elettromagnetismo della terra anche quando si dorme, grazie ad un sistema creato per il letto, in maniera tale da godere del trattamento della terra per molte ore, quando si dorme.